Jewels in the closet // Gli orecchini Mademoiselle di Nicoletta Passarelli

Non ho mai capito come facciano certe donne senza i fori alle orecchie…il pensiero di dover rinunciare a mettere un bel paio di orecchini mi sembra una cosa molto lontana da me.
Non esco mai di casa senza, solo al mare li lascio ben riposti nel cassetto o appesi nelle varie bacheche e porta orecchini in casa mia.
Ed è per questo che quando per caso sono arrivata sulla pagina facebook di MademoiselleNP sono rimasta felicemente sorpresa e affascinata.
63555_140590639330060_140590449330079_190930_672097_n
Mademoiselle NP è il marchio di orecchini di Nicoletta Passarelli, giovanissima designer sorrentina, ma romanda di adozione, appassionata di arte e fotografia.
L’abbiamo ospitata nel nostro armadio per farle qualche domanda.
183440_1707135251317_1626122693_1580895_6534313_n
Raccontaci il tuo percorso. Quando è nata la tua passione per i gioielli e in particolar modo per gli orecchini?
 
Sin da bambina ho avuto la passione per i gioielli e la bigotteria in genere, realizzavo, coinvolgendo tutte le mie amiche, collane e braccialetti adoperando filo elastico e pasta di piccolissimo formato.
Sono arrivata negli anni alla realizzazione, per uso personale, di accessori risultato del riutilizzo di collane prese dal portagioie di mia madre, a sua insaputa, la quale magari riconosceva delle perle o pietre cucite a degli shorts di jeans.
L’estate del mio diciottesimo compleanno decisi di farmi regalare una manciata di di monachelle e pochi fili di pietre semipreziose per dare sfogo alla mia creatività.
Quella stessa estate, la proprietaria di un negozio e centro estetico a Sorrento diede credito al mio potenziale creativo mettendo in vendita le mie prime creazioni, da lì il passaparola ha fatto il resto. A tre anni dall’inizio ho dato vita ad marchio e ad un blog, MademoiselleNP. 
Come nascono i tuoi progetti e da dove prendi l’ispirazione per dar vita ai tuoi orecchini?
 
Per la realizzazione delle collezioni MademoiselleNP mi affido al mio personale “insisto creativo” , tale definisco la mia passione, che cambia di giorno in giorno da umore ad umore, senza alcuna preparazione precedente, in corso d’opera.
Mi ritengo un’attenta osservatrice del mondo che mi circonda il quale diviene fonte di ispirazione per ogni mia creazione.
Estro, forme geometriche, proporzione e accostamenti cromatici sono le linee guida di ogni collezione. 
Ti ricordi la tua prima creazione?
 
Come poter dimenticare le prime creazioni, l’inizio di questa mia passione ha conciso con i mesi estivi per tale motivo decisi subito di iniziare con la realizzazione di orecchini dai colori sgargianti, quello del turchese, del corallo e dell’agata bianca. 
Il progetto a cui sei più legata e perché? 
 
Gli orecchini a cui sono più legata sono senza dubbio quelli che ho realizzato per la mia prima mostra mercato ART & ART – Artigianato è arte, che avuto luogo lo scorso dicembre a Roma presso l’associazione Incontri e Eventi, con il patrocinio dell’Associazione Massenzio Arte. 
Ha rappresentato per me la mia prima vera occasione di poter esporre le mia creazioni nella capitale, quante emozioni e soddisfazioni! 
Come scegli i materiali per i tuoi lavori?
 
La scelta dei materiali va ricercata nel mio personale interesse, quello di voler realizzare qualcosa che non assomigli a nulla di quanto realizzato prima. Ogni stagione vado alla ricerca di materiali innovativi, per la stagione estiva 2011 infatti ho scelto di utilizzare ganci e componenti non solo in oro e in argento ma anche in lega metallica anallergica, ho scelto la resina naturale, conchiglie e madreperla naturale, inserti in pelle di serpente legno e stoffa, non abbandonando mai le pietre dure naturali, il primo amore! 
Pensi che ti avvicinerai più avanti anche ad altri accessori?
 
A tre anni dall’inizio, gli orecchini sono gli accessori che preferisco realizzare, indossare, la prima cosa che guardo in una ragazza, ma ho in mente di realizzare una collezione di bracciali da indossare in abbinamento ad un bel paio di orecchini, tutti pezzi unici, magari per la prossima stagione autunno inverno. 
Per tutti gli interessati dove e come è possibile  “fare nostre” queste meraviglie?
 
Gli orecchini MademoiselleNP sono in vendita nei seguenti negozi:
PAGARD centro estetico in Corso Italia, 261 Sorrento (NA)
ANGELS SORRENTO abbigliamento donna in via Marziale, 2 Sorrento (NA)
ANGELS DONNA abbigliamento donna in via Capo, 9 Sorrento (NA)
I LOVE POSITANO home design in via Pasitea, 91 Positano (SA)
Oppure agli indirizzi www.mademoisellenp.blogspot.com e
facebook.com/nicolettapassarelli, si effettuano spedizioni in tutta Italia.

 
221963_1802272109679_1626122693_1720420_1309317_n 
180188_153732101349247_140590449330079_259862_7862928_n 
 
 

205434_1802272749695_1626122693_1720422_3146442_n 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
  208111_165585646830559_140590449330079_317364_8254094_n 
 
205664_166853563370434_140590449330079_325425_6776451_n  
206574_166853693370421_140590449330079_325428_4762937_n

Che ne pensate? Io ne ho già adocchiato un paio con dei colori che cercavo da un po’.
Aspetto le vostre impressioni.

Jewels in the closet // CECI n'est pas haute couture

ceci

La rete è sempre molto generosa,  e ogni giorno da la possibilità di scoprire delle vere e proprie chicche, di conoscere artisti nuovi e da la possibilità a tutti di creare una propria vetrina, un proprio spazio che prima era difficile da avere.
La rete ieri mi ha fatto scoprire “CECI n’est pas haute couture” brand dell’architetto Francesca Ceci.
CECI n’est pas haute couture nasce dall’unione di due passione, fin da piccola Francesca ha amato le “perline” e, oltre averne collezionate molte, ho giocato con capsule, granuli, biglie, lego, qualsiasi cosa potesse somigliare loro.
Più tardi è nato l’interesse per l’architettura, che ora è diventata il suo lavoro.
Il legame, tra questi due mondi, si individua sfogliando le immagini dei suoi lavori, infatti gli oggetti sono ottenuti da materiali recuperati dai vari cantieri, principalmente pavimenti in gomma e pvc, nonché tessuti d’arredo, uniti a complementi di vario genere.
Tutti gli accessori sono interamente fatti a mano, quindi pezzi unici, anche nelle imprecisioni. Si può prendere spunto da un articolo per crearne uno simile, ma pur sempre con la propria peculiarità.
Personalmente sono stata colpita dalle fabric necklaces, intrecci di tessuti che girano sinuosi intorno al collo, collane si ma anche un po’sciarpe. Possono essere realizzate in 17  colori diversi e alcuni modelli come ad esempio la “CALLE DEL CARMEN” anche in bicolore.
Calle del Carmen
avinguda diagonal
champelise
Crochet grey
crochetred 
Particolare è l’uso del materiale nelle rubber necklaces, dove pvc, tessuto e acciaio si unisco insieme per un risultato davvero originale.
carnaby street
bond street
abbey road
via dei calzolai 
 ginza
montenapoleone
sloane street 
rodeodrive 
Per maggiori informazioni, per ricevere dettagli dei vari articoli, per qualsiasi altra curiosità ecco la pagina facebook di Ceci http://www.facebook.com/pages/CECI-nest-pas-haute-couture/161287767233222
Che ne pensate…io sto facendo già il mio ordine…

Jewels in the closet // mbè desing?

 

collanambè 
Cosa succede quando due creativi si incontrano in un bar? 
Per la precisione quando Pamela, stilista di moda che ama il vintage, l’artigianato di qualità, le scarpe, l’arte, la fotografia e il design, incontra Luigi, art director pubblicitario che ama il calcio, nella fattispecie l’Inter, il design, la fotografia e soprattutto si nutre di cinema???
Insomma cosa succede quando un animo cocciuto e un po’ rompiballe incontra un animo easy?
Nasce Mbè? Design:  “Mbè è un suono, una sensazione, uno stile di vita. Mbè è l’approccio disimpegnato ad una realtà frenetica che ci confonde. Mbè è la domanda che ci poniamo per capire chi siamo; la risposta è la nostra affermazione di stile.”
Così nasce Mbè? Design, dall’esigenza di creare un contenitore che racchiuda in sè tutti gli interessi e le passioni di entrambi: la moda, l’ artigianato, la comunicazione, il design, la fotografia e tutto ciò che di creativo spontaneamente li anima. Senza confini, sostenendo le idee ed accettando le contaminazioni e l’esperienza che l’uno apporta al mondo dell’altro.
Ma conosciamoli più da vicino
• Chi sin nasconde dietro al brand mbè? design?
P: Dietro a Mbè? Design si nascondono due creativi, che prima di condividere le proprie idee condividono il sogno di una casa insieme e tutto l’amore autentico che sanno darsi. Mbè? Design nasce ufficialmente un anno fa e da allora è quasi come avere un figlio che deve essere cresciuto grazie a tutto il nostro amore e alla nostra passione.

L: Diciamo chi si nascondeva, ora tutti sapranno che sono il pagliaccio goffo della coppia in pratica. Scherzi a parte, permettimi
solo un appunto. Credo non sia Chi, ma Cosa si nasconde dietro mbè? design. Dico questo perché in realtà, dietro ogni brand ci sono persone. Ecco noi siamo dei contenitori di emozioni, gioie, lacrime e passioni. Dietro il nostro marchio si nasconde l’amore. Amore per il design, per le cose belle e per quello che siamo quando stiamo vicini.
E’ l’amore che muove tutto, anzi come dice e dirà sempre John Lennon ” Love is you, You and me…Love is knowing we can be”. Mbè? design è sapere che puoi essere come vuoi.
Come mai la scelta di questo simpatico e originale nome per il vostro brand?
P: Una sera al telefono mentre ci sfogavamo entrambi delle nostre frustrazioni quotidiane abbiamo notato che nella nostra conversazione ricorreva molto spesso la parola Mbè?, che è un tipico intercalare romano. Abbiamo riflettuto bene sulla parola e sul suo significato: ci piaceva il suono, il fatto che fosse una domanda e che nascondesse nel suo significato un moto di libertà, un non so che di sfida verso il mondo. Ci divertiva che fosse così impertinente. L’abbiamo subito abbinato alla parola Design che racchiude un po’ tutte le nostre passioni.
L: mbè? figo no?
• Accessori e interior design sembrano essere le parole  chiavi quando si parla di mbè? design?
P: Sì per il momento…chissà che prima o poi non diventi anche una linea di abbigliamento…nascendo io come fashion designer…
L: Ad oggi credo siamo ancora in una fase in cui sperimentiamo diversi campi. Domani chissà…spero di non impigrirmi in un settore in particolare.
• Raccontateci un pò del processo creativo.
P: Essendo due menti creative che vendono da due settori diversi, io, Pamela dalla moda, e Luigi dalla pubblicità e dal design, spesso gli input vendono da fonti molto diverse. Il bello è che entrambi usciamo dai nostri settori per esplorare quello dell’altro. Ad esempio Luigi ha ideato qualche mese fa una bellissima borsa pur non essendo uno stilista. Quello che facciamo è condividere appena possibile l’idea avuta, la discutiamo per capire come realizzarla e poi buttiamo giù disegni o cartamodelli per capire la fattibilità. Alla fine realizziamo il prototipo e decidiamo se produrre. Quando invece si tratta di lavori artigianali cerchiamo semplicemente di fare quello che ci riesce meglio…
L: Il processo creativo inizia dagli occhi e termina in pancia. Vedo una cosa e ne immagino un altra, mentre la pancia dà la sua approvazione o la sua bocciatura.
Sai quando vedi la cosa più bella del mondo e senti che la tua pancia quasi si gonfia e raccogliere tutta quella emozione? bhè in realtà in quel momento la tua pancia ti sta parlando, ti dice bravo…vivila. Se lei approva ne parlo con Pamela, disegniamo e realizziamo prototipi. Da lì inizia tutta una lunga fase di correzioni che spesso ci portano ad avere cose diverse da quelle pensate in precedenza.
• Quali sono i vostri punti di riferimento nel mondo del design?
P: Ci piace molto la Seletti per i complementi d’arredo, Moroso per i divani, ci piace cercare design artigianale su Etsy, apprezziamo molto gli sforzi di piccoli artigiani che fanno bene il loro lavoro, con passione ed idee geniali, fuori dai circuiti del design.
L: A di là dei brand noti credo molto nell’artigianato. Credo che le cose migliori vengano dai “piani bassi”… da chi prova ad emergere, da chi ha ancora voglia di rischiare.
• Il progetto a cui siete più legati e perché?
P: Al momento il progetto a cui siamo più legati sono le borse-camicia, perché siamo riusciti a far diventare un oggetto completamente un’altra cosa. Ci è piaciuto ribaltare la percezione di un’oggetto e poi abbiamo scoperto che la camicia è come il “maiale”: Con il davanti facciamo un modello di borsa, con il dietro un altro modello, e con le maniche delle bellissime sciarpe, che presto metteremo on line.
L: “Hanger o mirror?”, è una stampella specchiata che funge sia da appendi abiti che da specchio, ed è sagomata a formare il messaggio “In Love We Dress”…
Credo sia il progetto a cui sono maggiormente legato perché ad oggi sta vivendo a NY…ed è la nostra prima produzione che esce dall’Italia.
• Per tutti gli interessati dove e come è possibile  “fare nostre” le vostre creazioni?
P: Su http://www.etsy.com/shop/mbedesign?ref=pr_shop_more c’è il nostro negozio on line, ma vi consigliamo di vedere le foto di tutti i nostro prodotti su http://www.flickr.com/photos/mbedesign/ dove abbiamo una selezione più completa. Qualora vi piacesse qualcosa potere contattarci su Facebook cliccando qui.
L: Ecco ha detto tutto lei…comandano le donne c’è poco da fare. Vorrei però ringraziarti dello spazio che ci hai concesso, è stato emozionante davvero.
borsacamiciambè2
borsacamiciambè
 borsacamiciambè3
casambè
  casambè3
casambè2
crucciambè
cerchiettombè3
 cerchiettombè2 

collanamacchinambè2
 collanacoloratambè2

Not Snob 59 // I love vintage and no name style!

notsnob59

Continua il viaggio nel mondo dei giovani e talentuosi designer.
Oggi parliamo della mantovana Alessandra Casella e del suo brand NotSnob59.
Cresciuta a pane e Vogue, Alessandra entra nel mondo della moda a 17 anni come modella, nel 2005 abbandona le passerelle per dedicarsi a qualcosa di totalmente suo e apre il suo primo negozio a Mantova rilevando una vecchia e storica merceria e nel 2010 finalmente registra il suo marchio di moda, appunto NotSnob59.
Il sui guro è la mitica Coco Chanel, disegna e realizza tutti gli accessori delle sue linee, borse, cappelli, accessori per capelli e bracciali che sono divenuti i punti di forza del brand, per tutto ciò che riguarda l’abbigliamento e per la sartoria delega il confezionamento dei suoi disegni a come le definisce lei stessa “due splendide sartine”.
La sua linea nasce dall’amore per la femminilità della moda d’epoca, creando un mix di retrò e gusto moderno. Per una donna dal gusto classico ma che abbia dentro un’anima pop. 
NotSnob59 punta al sartoriale, sul made in Italy e hand made , infatti alla base di tutto c’è la qualità e la ricercatezza del materiale e della lavorazione. 
Le sue t-shirt e canotte (come tutto il resto) sono sartoriali  e i disegni stampati sono realizzati dalla stilista a matita, cercando di realizzare disegni unici e particolare.
 
iiio
 ii 

vestitt

 
 
vestit
 
Alessandra stessa ci descrive un po’ nel dettaglio il suo lavoro: I bracciali, cavallo di battaglia del  brand, sono il frutto di 6 ore di lavoro l’uno, sono basi di legno dipinte con acrilici, in alcuni applico immagini che poi ridipingo e in altri, dipingo io la figura, poi li glittero e infine li resino girandoli a mano per 4 ore.

Attualmente molti miei accessori vengono usati per redazionali di moda, i bracciali per i cataloghi della Summer Collection 2011 di Navigare e Navysail, i cerchietti per i cataloghi Disney, e questa è la più grande soddisfazione e riconoscimento del duro lavoro e della costanza con cui seguo il mio brand
 
bra
  
braccial  
cappel 
bors 
 
Il suo motto è I love vintage and no name style
A breve partirà il sito www.notsnob59.it con e-commerce, per chi volesse ammirare e avere maggiori informazioni su questo giovane brand vi segnalo la pagina facebook http://www.facebook.com/?ref=home#!/pages/NotSnob59/155804697799679
 
 
E ora i vostri commenti, cosa ne pensate? 

Jewels in the closet: nOir JEWERLY for DC Cominc .You can call me WonderWoman

home

Chi da piccola non ha sognato di avere, almeno per un giorno, i poteri di WonderWoman o l’agilità felina di CatWoman?

 

Non dobbiamo più aspettare carnevale per far uscire la super eroina che ci arde dentro. La Warner Bros, detentrice dei diritti della DC Comics, la casa editrice di Batman e Superman, ha sviluppato insieme alla newyorkese nOir Jewerly una linea di gioielli dedicata alle più importanti eroine dei suoi fumetti.
Il brand americano nOir Jewerly si è sempre contraddistinto per il suo stile unico e originale. Infatti, le creazioni della designer  Leeora Catalan sono sempre state molto richieste sia dagli stilisti che dalle star hollywoodiane, come Lady Gaga, Madonna, Rihanna, Beyonce, Sarah Jessica Parker e Paris Hilton.
Questa collezione si presenta  spiritosa e trendy, unendo il fantasy lo street style e il pop, per la super donna moderna che “combatte” nella giungla metropolitana contro le mille difficoltà dei giorni nostri.
wonder-woman-bracciale 
bat_girl_dome_flat_double_352
cat_woman_long_claw_6029
Nella ricca e per certi aspetti esagerata collezione, ritroviamo i peculiari “accessori” delle nostre eroine: troviamo  l’anello a forma di artiglio in omaggio a Catwoman, ed il bracciale smaltato oro di Wonderwoman, senza dimenticare di omaggiare Batgirl con l’anello di Gotham City e SuperWoman con la  collana con il suo noto simbolo.
super_girl_necklace_2091
wonder_woman_necklace_5597 
wonder_woman_double_finger_ring_7834 
gotham_city_ring_239 
Visto il successo ottenuto, la nOir Jewerly ha in programma anche una linea ispirata ad altri personaggi famosi, come Harley Quinn, Green Lantern e Poison Ivy.
I prezzi sono relativamente contenuti, realizzati in bronzo rosso, argento, oro e una tempesta di zirconi, sono tutti in edizione limitata e si trovano già sul mercato a un prezzo che si aggira tra i 60 e i 250 dollari.
Se volte curiosare un pò ecco il sito www.noirjewelry.com
Cederete alla tentazione?

Jewels in the closet: Passion Space di Manuela Catania

Metide

“Il design nasce osservando le cose di tutti i giorni, cose apparentemente semplici ma cariche di significato…cosi passeggiando per le piccole strade di una città siciliana scopri che alcuni panni stesi vogliono comunicare qualcosa, come i fiori sul davanzale, un cestino pieno di frutta, un mercato pieno di gente, il movimento urbano che cambia continuamente…ogni gesto e ogni azione invitano a viaggiare con la mente prima di tutto…e in questi viaggi si formano le idee, gli oggetti, il design.”
 
Questa filosofia progettuale ha guidato il  percorso formativo nel mondo dell’architettura e del design di Manuela Catania, designer di gioielli e accessori diplomata alla Domus Academy di Milano e presso l’Università del Wales.
Nata a Erice nel 1980 dove rimane fino agli studi di maturità classica, subito dopo si trasferisco a Palermo dove studia Architettura.
Nel 2009 lavora a Milano con un designer giapponese e collabora con Franck Muller per il gioiello, nello stesso anno partecipa al Crystalplant Design Contest di Antonio Lupi ed espone al Salone Internazionale del Mobile di Milano con un progetto di arredo per bagno e partecipa al concorso della Fondazione Morellato “I luoghi del riposo” con un progetto di design ispirato al riposo urbano.
Durante il master sviluppa progetti con Veuve Cliquot per il packaging, con Angelo Figus per una collezione di abiti in pelle, per Hogan, Tod’s e Swarovski,
A Milano segue seminari con Chanel make-up, con Chloe, con Ennio Capasa per Costume National, con Alessandro Dell’Acqua, Mario Boselli, direttore della Camera Nazionale della Moda, Frankie Morello, Buccellati gioielli, con Francesco Morace per Future Concept Lab e con le le riviste di Marie Claire e Velvet.
Nel 2010 vince una borsa di studio per il corso di formazione avanzata in Fashion System presso l’Istituto Europeo di Design di Venezia e sempre nel 2010 è tutor in un corso di Fashion Design presso Ied Moda Lab a Milano.
Attualmente collabora con uno studio di design a Milano e segue come freelance aziende del settore accessori e gioielli.
Nel 2010 ha lanciato la collezione Passion Space di gioielli in vetro e oro bianco lavorati a mano dai maestri artigiani di Murano, e nel dicembre del 2010 la collezione partecipa all’evento VestiTI! presso il THotel di Cagliari.
Per il 2011 ha già in cantiere una seconda collezione di gioielli, dove predomina sempre il lavoro manuale e artigianale, ma non aggiunge altro poiché sarà una sorpresa, e continuerà a occuparsi di design e moda, anche fuori dall’Italia. 
Conosciamola ancora un po’: 
Quali sono i tuoi punti di riferimento nel mondo del design?
 
Il design degli anni 50, della Vespa, della Fiat 600, la sedia Superleggera, la poltrona Lady, in quegli anni si sperimenta sull’uso dei materiali bellici come la gommapiuma che sarà destinata all’arredamento,si progettano strumenti utili per tutti dotati di qualità, innovazione e ricerca.
Nello scenario della moda il mio punto fermo di riferimento è Chanel , dove l’utilità dell’abito si lega alla semplicità, all’eleganza e alla femminilità, anche in questo ambito innovazione e qualità puntano in alto e credo che per fare design oggi che possa durare nel tempo si deve pensare in termini di buona ricerca e ottima qualità. 
Come nascono i tuoi progetti e da dove prendi l’ispirazione per dar vita alle tue creazioni?
 
Visito mostre d’arte contemporanea, mi aggiorno su cinema e su ciò che mi fa percepire attualità
Vedo, tocco, scruto e sperimento, non butto niente e ogni cosa per me ha sempre una seconda vita.
Ho seguito gli insegnamenti di Vico Magistretti e cioè guardare alle cose quotidiane, normali, con occhio attento: perché dietro ogni cosa c’è sempre qualcosa. Anche nell’oggetto più normale.
Le mie creazioni di gioielli infatti sono il frutto di viaggi, scoperte, conoscenze e ricordi.
Nella mia collezione Passion Space la sabbia vulcanica e la polvere di cristallo sono materiali di scarto che nel gioiello acquistano valore e bellezza e legano le caratteristiche del sud con le tradizioni del nord.
La collezione Passion Space si ispira ai flussi di nuvole che avvolgono la terra e ai magici fenomeni dello spazio dove tutto cambia e nulla torna come prima, il lento scorrere del tempo si unisce alla vita umana e questa unione genera flussi che si uniscono e si miscelano, nella collezione la sabbia vulcanica della terra siciliana si mescola alla polvere di cristallo e si genera una polvere preziosa, un richiamo a Toyo Ito e alla sua architettura il quale afferma che “La nostra vita è un flusso, in questo spazio, in questa realtà, tutto scorre velocemente e niente torna come prima”
 
Il progetto a cui sei più legato e perché?
 
Passion Space nasce con l’ideazione dei ciondoli Iperione e Luna pensati per una donna che porta con se un siero segreto, una miscela che brilla e che custodisce qualcosa di unico e irriproducibile.
Questa filosofia lega tutta la collezione, pertanto anche gli anelli Il Primo Bacio Sulla Luna testimoniano un legame speciale che va oltre la realtà. Ogni oggetto è unico poiché lavorato a mano e ciascun gioiello ha un nome che lo lega ai satelliti naturali. 
Per tutti gli interessati dove e come è possibile acquistare le tue creazioni?
 
Le mie creazioni si possono acquistare presso le gioiellerie Catania a Trapani (Corso Vittorio Emanuele e Piazza Martiri D’Ungheria), e fino al 30 gennaio 2011 presso i saloni espositivi del THotel di Cagliari, ma anche on line visitando il mio blog www.manuelacataniadesign.blogspot.com
 


Iperione 2

Il primo bacio sulla luna 3

 


©2019 The colours of my closet. Web design: Ideology Creative Studio | Privacy