Etrusca i gioielli ispirati ai sapori mediterranei

etrusca_gioielli_the_colours_of_my_closet

Marilyn cantava che i diamanti sono i migliori amici delle donne, in verità penso che tutti i gioielli lo siano, perchè sono loro a dare il giusto accento ai nostri look.

Un girocollo, un anello, dei luminosi orecchini ai nostri lobi, sono spesso, gli elementi, che rendono i nostri outfit davvero unici.

Unici a mio avviso sono i miei nuovi gioielli firmati Etrusca, una collezione ispirata ai sapori mediterranei. Elegante e raffinata, questa linea di gioielli è stata creata per donne dalla forte personalità e sicure del proprio aspetto. La donna Etrusca è una donna legata alle tradizioni, ma con lo sguardo sempre rivolto alle nuove tendenze, una donna attenta a quello che indossa. Gioielli nati per intrigare la donna attenta al dettaglio e amante delle forme, le collezioni di Etrusca, realizzati in bronzo placcato in oro 18 carati color champagne, riflettono le tecniche della lavorazione artigianale del popolo italico, come le pietre utilizzate ricordano i colori e i sapori della Tuscania.

Etrusca presenta 10 collezioni ispirate da altrettante 10 tematiche, tutte però unificate dall’uso del bronzo e del color champagne

I quattro gioielli che vedete in foto, gli orecchini e il girocollo delle linea Ciclone, l’anello della linea Concerto e il bracciale della linea Dea sono al momento tutti inpromozioni ad un prezzo scontato e potete trovarli qui.

 

Vivienne Westwood onora il capodanno cinese con un ciondolo a tema

Se i cinesi conquisteranno il mondo, mi sembra più che giusto conoscere le loro usanze e le loro festività. Sarà per questo che Vivienne Westwood ha realizza uno speciale ciondolo per il Capodanno Cinese 2014?

Il gioiello rappresenta quello che sarà quest’anno l’animale simbolo del 2014 per i cinesi: il cavallo.

Il ciondolo raffigura infatti un cavallo dorato con luminosi cristalli di topazio, sormontato dal tradizionale nodo Cinese, il pendente è agganciato ad una collana dorata con il dettaglio di un orb rosso sulla chiusura.

La collana presenta il simmetrico nodo Cinese, tradizionalmente utilizzato per celebrare il Capodanno e un orb rosso, perché il colore rosso ha da sempre un significato speciale nella cultura cinese, in quanto simbolo di salute, ricchezza e buona fortuna. Il ciondolo dorato raffigurante un cavallo riflette l’icona astrologica Cinese dell’anno che sta per iniziare, rappresentante la buona sorte e la fortuna.

L’esclusivo ciondolo realizzato sarà  disponibile presso le boutique 44 Conduit Street, 18 Conduit Street, Worlds End in Gran Bretagna e in selezionati negozi internazionali da oggi 13 Gennaio.

SOB! quando il plexiglass diventa gioiello

Quando si parla di gioielli ormai si tende ad ampliare la categoria inserendo anche oggetti realizzati con materiali che prima neanche sarebbero stati presi in considerazioni. Negli ultimi tempi il plexiglass sta diventando protagonista per la realizzazione di complementi di arredo e anche gioielli.

SOB! un laboratorio di design artigianale, ha scelto proprio il plexiglass come materiale principale per la realizzazione delle sue collezioni.

SOB! progetta e realizza oggetti, sintetizzando funzionalità ed estetica. Oggetti semplici ma così rispondenti allo scopo da non richiedere modifiche.

SOB! nasce dall’incontro di professionisti che si dedicano ad inventare soluzioni che possano soddisfare le richieste della gente, dal tavolo al bracciale, dalla lampada all’orologio. Specifiche conoscenze di materiali e tecnologie innovative fanno di SOB! un progettista rigoroso e, allo stesso tempo, un esteta entusiasta.

Tutti i  prodotti prendono forma nel loro laboratorio: tecnologia industriale e dedizione artigianale.

Oggi vi parlo della collezione gioielli, che prendono tutti ispirazioni dal lavoro di grandi artisti, pittori e scultori che hanno fatto storia e continuano ad affascinare migliaia di persone al mondo.

Sob! ha infatti diviso i propri accessori moda artigianali 2013 in sette linee ispirate alle opere di artisti famosi ognuno realizzata in 6 diversi colori, (trasparente, bronzo, perla, nero metallizzato, rosso sabbiato e azzurro sabbiato).

Bracciali, orecchini e collane che si ispirano alle opere di artisti famosi, dal Bacio di Klimt al Modulor di Le Corbusier, dai dipinti di Mirò ai graffiti di Haring, tutti capolavori ripensati, rielaborati e ridisegnati per dar vita alle sette linee di accessori moda Sob!,

Ogni accessorio viene prodotto lavorando il plexiglass, materiale moderno ed elegante, ma anche giovane ed essenziale, tagliato ed inciso con macchinari laser di ultima generazione, ma assemblato artigianalmente servendosi di prodotti made in Italy rigorosamente anallergici, il tutto nel laboratorio di Sob!, ecco perché ogni accessorio è simile e non uguale agli altri, caratteristica tipica del prodotto fatto a mano.

C’è la linea Klimt, Haring, Mirò, Capogrossi, Escher, Le Corbusier, Sob.

Quelli che vedete in foto sono collana e orecchini della linea Sob!, leggerissimi, molto versatili e per la loro artigianalità, davvero unici.

Prestissimo una bella sorpresa per voi firmata SOB!, vi consiglio di andare a scoprire nel dettaglio tutte le collezioni sul sito ufficiale.

La vostra linea preferita?

Se potessi avere mille lire al mese…

“Se potessi avere mille lire al mese”, così intonava una vecchia canzone della fine degli anni 30 di Gilberto Mazzi,  in un tempo in cui quella banconota  aveva davvero un valore, tanto da poter “senza esagerare… trovar tutta la felicità!”

Con queste parole Gilberto Mazzi disegna il bel paese di quei tempi. Un’Italia povera e con la seconda guerra mondiale alle porte. Il cantante recita il desiderio di una nazione di uscire dall’emarginazione sociale, accontentandosi “senza esagerare” di un tranquillo benessere. Che dire un canzone evergreen, mai infatti, come di questi tempi, la voce di Mazzi, sembra diventare la voce di tutti.

Oggi la lira non c’è più,  per me nata negli anni ’80 che con la lira ci ha fatto tutta la adolescenza e pure qualche anno in più, alle mille lire sono legati molti momenti e situazioni.

Le 1000 lire erano la banconota delle giocate a carte della notte di Natale, 1000 lire costava il cornetto gelato che compravo al chioschetto d’estate, con 1000 lire ci prendevi la merenda per la scuola, 5 bustine di figurine, un pacco delle mie patatine preferite, le mitiche big babol.

Proprio sul ricordo e sul far conoscere tutte quelle cose che, in un modo o nell’altro hanno fatto parte delle vita di ognuno di noi e l’hanno cambiata che nasce il marchio Millelire.

Il marchio Millelire è un conservatore di tutto il patrimonio e la storia d’Italia, attraverso  oggetti di vita quotidiana che hanno reso l’Italia una nazione magica, ma innovatore nell’elaborare e riproporre in veste attuale gli oggetti più comuni facendoli conoscere ai più giovani e regalando una piccola emozione-ricordo a chi in quell’epoca è vissuto.

Il  brand si è accostato sin da subito all’ immagine di un vecchio baule, il caro vecchio baule della nonna pieno di oggetti che ci riportano indietro nel tempo, pieno di ricordi che strappano un piacevole sorriso.

Da questo baule escono i bracciali mille lire  per portare con noi, ogni giorno, un pezzettino di storia italiana, ma che sia elegante, unico e facile da indossare.

Che ne pensate? I modelli sono tre, Montessori, Verdi e Polo.

Il mio è il Montessori; due miliardi e 160 mila di questi biglietti sono stampati e diffusi in otto emissioni, dal 1990 al 1998. La banconota è dedicata a Maria Montessori, il cui ritratto appare sul recto. Il verso rappresenta un particolare del quadro “Bambini allo studio” di Armando Spadini.

Marco Polo; nel 1982 il biglietto viene sostituito da un banconota che raffigura sul recto il ritratto di Marco Polo da un dipinto conservato nella Galleria Doria Pamphili di Roma. Sul verso uno scorcio del Palazzo Ducale di Venezia rappresentato in verticale. Il biglietto ha avuto corso legale fino al 30 giugno 1995, ed e stato stampato in 2.148.000.000 esemplari.

Verdi secondo tipo, emesso dal 1969 al 1981, impiega una migliore tecnica per la colorazione dello sfondo. Il ritratto del compositore è piu realistico di quello stampato sulla versione precedente. A fianco si trova la celebre Arpa Estense, strumento del 1558 di scuola ferrarese conservato nella Galleria Estense di Modena. Al verso c’è un’immagine del Teatro alla Scala. Se si eccettuano le prime emissioni, la carta impiegata e di colore ocra. Di questo biglietto furono autorizzati 1.972.000.000 pezzi.

Tutti e tre i modelli sono realizzati in cuoio conciato al vegetale, un processo basato sull’utilizzo di tannini naturali provenienti dagli alberi.

La chiusura è nickel free, realizzata in lega metallica e rifinita in ottone spazzolato. Curata nei minimi particolari con incisioni nella facciata superiore e unita da un sistema magnetico. La lavorazione del bracciale nella sua interezza, dal trancio di cuoio al bracciale inserito nell’apposito packaging, comprende piu di 10 fasi. Fasi interamente fatte da mastri artigiani italiani, in Italia. Tutto il lavoro viene svolto a mano senza l’ausilio di macchinari industriali…

Un bracciale 100%  Made in Italy.

Il vostro preferito?

 

Bronzallure

Un pò come tutte le donne ho una passione spasmodica per i gioielli, sin dall’adolescenza non esco mai di casa senza un paio di orecchini o una collana.

E’ strano a dirsi, ma senza un bell’accessorio mi sento nuda, come se mi mancasse qualcosa per completarmi. Proprio sugli accessori spesso punto la mia attenzione quando creo i miei outfit, perchè ritengo che siano loro che facciano la differenza, che diano quel tocco unico e personale che ci distinguano e raccontino qualcosa di più di noi stesse.

Da qualche anno c’è un brand che ha fatto breccia nel mio cuore per stile, forme e originalità, si chiama Bronzallure e come potete ben capire dal suo nome il bronzo è la materia prima con la quale vengono realizzati tutti gli elementi della collezione.

Da sempre alla ricerca di innovazioni nei trend e nelle tecniche di fusione dei metalli, questa  linea di gioielli hi-tech dal design e dai colori unici è completamente nickel free. Gli elementi design, il logo, le gemme e la cura dei dettagli rinforzano lo stile e il concept del brand.

La mia piccola collezione è formata da una collana davvero particolare, in bronzo placcato oro rosa 18 carati e cristallo di rocca, è realizzata con maglie di una texture pallinata.

Un bracciale rigido a tubo, importante ma molto leggero, rigato e sempre realizzato in in bronzo placcato oro rosa 18 carati.

Un bracciale in pelle con fibbie, più moderno, le quattro fibbie sono anch’esse in bronzo placcato oro rosa 18 carati.

In fine un anello con pietra cabochon matte, per la precisione una agata nera.

Sono gioielli versatili, molto leggeri ma di effetto. Li ho abbinati con facilità ed è sempre stato un piacere indossarli.

Proprio di recenti li ho indossati per la mia esperienza di persona shopper al Sicilia Outlet Village in occasione della Settimana della Moda.

Se volete farvi un regalo, stupire qualcosa o semplicemente aggiungere un nuovo accessorio alla vostra collezione vi consiglio di visitare il sito ufficiale Bronzallure, vi assicuro che non vi deluderà.

Abbey Road il mio nuovo anello firmato Manigiò

Le righe sono state e sono ancora il trend più discusso di questa stagione. Amate e odiate sono sicuramente protagonista di almeno uno dei nostri outfit!

Che siano righe marinare in bianco o blu, o quelle più di grido in bianco e nero, saranno presenti nei nostri armadi fino al cadere delle prime foglie autunnali.

Se come me preferite puntare tutto sugli accessori, oggi vi mostro un piccolo e prezioso oggetto di gioielleria per le amanti del trend stripes.

E’ un anello e si chiama Abbey Road in onore della mitica   strada di Londra, situata nel quartiere di Camden divenuta celebre per essere stata immortalata nella copertina dell’omonimo album dei Beatles, oltre che per ospitare i celebri studi di registrazione. Chi non ricorda i mitici 4 ragazzi inglese attraversare le strisce pedonali?

L’azienda che lo realizza è la Manigiò che coniuga design, tradizione e innovazione. Adottando i principi fondamentali della gioielleria, i gioielli Manigiò sono progettati e prodotti in Italia, a Valenza Po, da giovani designer ed esperti artigiani orafi.

Gioielli realizzati in oro, argento e resi unici dal design audace, dall’accostamento di smalti, diamanti e pietre preziose. Manigiò è il desiderio di rendere il mondo femminile come le sue collezioni, esclusive, raffinate e dalle caratteristiche slight-pop.

 L’anello Abbey Road è realizzato in 15 diversi colori, è realizzato in argento 925°/°° rodiato e smalto ed è realizzabile in tutte le misure.

Io ho scelto un bel verde, un colore che mi permetterà di usarlo sia nella bella stagione che in inverno. Spiritoso, dal designer originale, non passa di certo in osservato.

E’ possibile acquistarlo online sul sito ufficiale, i tempi di realizzazione e spedizione non sono lunghi ed è perfetto anche come idea regalo.

Che ne pensate?


©2019 The colours of my closet. Web design: Ideology Creative Studio | Privacy