Zip Mania!

image

Sono finiti i tempi in cui le cerniere lampo erano da nascondere a tutti i costi. Ora vanno messe in mostra, decorano abiti e accessori. 
In principio le cerniere avevano una funzione meramente pratica, il primo meccanismo che in qualche modo può essere indicato come l’antenato della cerniera fu inventato nel 1851 da Elias Howe (1819–1867), lo stesso inventore della macchina per cucire, che brevettò una “chiusura automatica continua per abiti”.
L’industria dell’abbigliamento e della moda si avvicinò alla cerniera lampo solo nei primi anni ’30, quando una campagna di vendite promosse le cerniere lampo nei vestiti per bambini, facendo leva sull’indipendenza nel vestirsi da sé che i giovani avrebbero avuto grazie alle zip. Fu proprio in quel periodo che la stilista italiana Elsa Schiaparelli, intuendone le potenzialità decorative, utilizzò per prima la cerniera lampo senza nasconderla cucendo il primo vestito con cerniere a vista. 
Nel 1971 una cerniera lampo funzionante diventa addirittura copertina dell’album Sticky Fingers dei Rollin Stones, ideata dal maestro della pop art Andy Warhol
Negli ultimi tempi gli stilisti riconoscono alla classica zip uno scopo estetico e per questo le ritroviamo su clutch bag , ankle boots e accessori in pelle che grazie alle cerniere acquistano più carattere e conferiscono anche al look più semplice un’anima tutto rock. 

1a080_zipMANIA

Visualizza zip

Personalmente è soprattutto  nell’uso negli accessori me chi colpisce di più.
Ecco ad esempio i bellissimi bijoux creati da Kate Cusak

Visualizza zip2

Più accessibili come prezzo le creazioni di Lillabluma, acquistabili online:

Visualizza lillbluma

E voi che ne pensate?
Source: photo www.katecusack.com, stylehurricane.blogspot

kate cusack, zip



Commenti (13)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.


©2019 The colours of my closet. Web design: Ideology Creative Studio | Privacy