Simone Galofaro, conosciamo il designer del progetto TX3

dicembre 12, 2014 — Leave a comment
Pinterest

Image and video hosting by TinyPic

 

Come preannunciato nel post dedicato a TX3 qui, oggi vi presento ufficialmente lo stilista a cui farò da madrina durante questi mesi, si chiama Simone Galofaro, ha 25 anni e a mio avviso ha uno spiccato talento per la moda, una moda pratica, mettibile ma allo stesso tempo molto glamour.

Venuto a conoscenza del concorso grazie ad una ex compagna di corso, riesce ad iscriversi per il rotto della cuffia e con i tempi stretti. Inviata la domanda attende come tutti l’esito e con felicità ed entusiasmo si mette sotto a lavorare e il 24 ottobre viene proclamato come uno dei sette vincitori.

Ecco una breve intervista per conoscerlo un pò.

Simone sei giovane, in che momento ha capito che la moda era la tua strada?
Ha sempre fatto parte di me, già da piccolo mi piaceva disegnare; creavo dei vestiti oppure realizzavo degli abiti con tende e lenzuola per le mie amiche. forse, la prima persona che si è accorta della mia passione è stata mia sorella che per i miei 5 anni mi regalò “gira la moda” quel gioco composto da delle tavolette con disegni di diversi vestiti in rilievo che combinati insieme ricreavano tanti outfit diversi, passando poi una matita sul foglio si realizzava una sorta di calco. Mi piaceva tantissimo!

Durante la fase creativa da cosa ti lasci ispirare, da un colore, una canzone, una sensazione?
L’ispirazione può nascere da qualsiasi cosa in qualsiasi momento, sicuramente i colori e le forme sono quelle da cui mi lascio maggiormente ispirare.

 
Il primo pensiero dopo aver sentito la proclamazione del tuo nome tra i vincitori di The Choice.
Speravo di sentire il mio nome così intensamente che appena lo sentii pensai… “ODDIO L’HA DETTO!”
 
Come pensi verrà recepita la tua collezione al pubblico?
Non so come verrà recepita e sono proprio curioso di scoprirlo, non vedo l’ora sia febbraio…
 
Come è la donna di Simone Galofaro?
La donna Simone Galofaro è una donna a cui piace un’eleganza non convenzionale, le piace dare un tocco eccentrico ad un outfit chic o viceversa cercando l’armonia tra i contrasti, è una donna elegante ma anche spiritosa.
 
La tua collezione nasce dalla dicotomia tra massimalismo e minimalismo, ci racconti di più su questo concetto?
Sono attratto dai contrasti, mi piace il minimalismo così lineare e pulito, però mi piace anche il massimalismo ricco di elementi e sfarzoso, così dopo aver disegnato alcuni capi lineari e puliti ed altri più estrosi decisi di creare una collezione ispirata ad entrambi, cercando di trovare l’equilibrio tra gli estremi dosando le fantasie e le tinte unite o spezzando le ultime con profili in colori contrastanti. Il mood si è poi esteso ad altri contrasti, ad esempio nei tessuti di diversa fattura cuciti insieme, come il georgette di seta delicato e leggero accostato al tessuto ruvido e pesante da tappezzeria con forme a sbuffo e rigide.
 
Cosa ti aspetti da questa avventura?
Grazie a questo concorso avrò la possibilità di mettermi in gioco e di poter avere un riscontro dagli utenti.
Mi aspetto, quindi, di poter imparare e migliorare grazie alle risposte che riceverò, se riuscirò in questo, un giorno potrò diventare un marchio indipendente anche grazie a questa avventura.
 
Descrivi chi è Simone con poche parole.

Milanese al 90% con papà siciliano. Sensibile ai cambiamenti e al buongusto. Creativo, attratto dai contrasti, dalle cose belle e dai dettagli.

Pagina fb: https://www.facebook.com/simonegalofarodesigner
Instagram: http://instagram.com/simone_galofaro
Twitter: https://twitter.com/simonegalofaro

Ed ecco alcuni video, con la sfilata del modello proposto per il concorso, intervista a Simone e a chi lo conosce bene e i bozzetti dei tre modelli proposti per The Choice.
Image and video hosting by TinyPic

Image and video hosting by TinyPic




Share and Enjoy

No Comments

Be the first to start the conversation.

Lascia un commento

Text formatting is available via select HTML. <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*